Enciclopedia d'Arte Italiana
ELENCO ARTISTI:
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
Ricerca 
english

SANTESSO Lucillo Giovanni



Santesso Lucillo Giovanni è nato a Portogruaro (VE) il 29 agosto del 1961, dove ha conseguito il diploma di perito meccanico. Sin da piccolo inizia a disegnare e riesce ad esprimere grazie al disegno tutto ciò che quotidianamente immagazzina. Sempre più la creatività dell’artista come l’ingegno e la sperimentazione vanno affinandosi negli anni, portandolo ad immergersi nella conoscenza profonda delle cose che provocano il suo interesse. Grazie al percorso tecnico scelto durante il suo percorso di studi Lucillo si interessa fortemente alla posizione degli oggetti nello spazio per poi arrivare alla sua scomposizione.
Questa capacità di immagazzinare l’informazione per poi rielaborarla è l’inizio della sua ricerca artistica. Per Santesso dipingere è una forma di espressione interiore grazie all’arte si possono manifestare intimi istanti di vita per poi illuminare la tela con le proprie emozioni. Attualmente l’espressione artistica scelta da Santesso è la pittura digitale ottenendo elevati risultati artistici e di riconoscimento da parte della critica più illustre e fruitori.
Attualmente lavora presso la GraphiStudio S.P.A di Maniago come designer, costruttore e inventore di macchine sofisticate assemblate per lo sviluppo e stampa. Lucillo in questa azienda, già importante ed avviata società capitanata da titolari acuti e molto disponibili, offre ben contento il suo apporto conoscitivo e porta la stessa ad essere riconosciuta a livello internazionale grazie alla realizzazione del progetto del libro digitale.
Il reale significato dell’attuale lavoro nel campo del digitale e la naturale evoluzione dell’operato nella pittura digitale di Lucillo Santesso non è opera da poco. Per essere un artista “digitale” bisogna prima aver assorbito e fatte proprie le tecniche tradizionali con il loro corredo di conoscenza date dalle tonalità dei colori, dalle forme, dalla prospettiva e dai chiaro-scuri, solo poi, dopo aver accuratamente studiato e appreso l’utilizzo degli strumenti tecnologici che simulano il tratto del pennello reale, ci si può imbattere in questo nuovo percorso di produzione artistica. Perché di arte all’ennesima potenza si tratta. Visto il lungo percorso di Santesso nel mondo dell’arte, grazie alla pittura digitale, egli è riuscito a fondere tutte le forti passioni che lo hanno caratterizzato fin ora in una unica espressione trasmettendo nuove emozioni alla luce. La pittura digitale è istintiva e immediata secondo Santesso e risponde, per messaggi neuronali diretti dall’ispirazione del momento. I soggetti così raffigurati replicano, essi siano a tema natura o umana, perfettamente le forme e le ombre generate dalla luce dando la giusta percezione del volume del soggetto.
Con Santesso e i suoi colleghi pittori digitali, in sintesi, nasce una nuova tipologia d’artista che non perde la manualità del passato ma piuttosto la recupera impiegando la matita sopra un foglio elettronico, divenendo egli stesso un terminale sensibile, in grado di cogliere e di riprodurre, nella combinazione delle alternative che si propongono, l’universo interiore che lo anima, senza infingimenti e senza limiti di sorta. Tutte le opere di Lucillo hanno in comune un`unica cosa ossia la ricerca sulla natura della luce, sul suo farsi e il suo disfarsi, sul movimento degli atomi che la costituiscono, sull’eterno contrasto con il buio. La ricerca sulla luce e sul moto della luce conducono l’autore ad analizzare le infinite possibilità di alludere indirettamente alla reale dinamica psicologica personale che suscita ed anima personali riflessioni mosse e articolate. Alla ricerca continua della luce che piove dall’alto o di lato o rimbalza nel sottobosco, nel mare o che accarezza volti c’è sempre il movimento della mano che manovra la pennina e che ne coglie nel suo divenire l’istintualità e dinamismo mentale, in una galleria eclettica di emozioni, nelle quali primeggia sempre l’importanza dell’individualità dell’artista. Cosicché l’artista stesso, deposita una sorta di testamento spirituale nelle sue opere, trascrive i suoi ricordi e le emozioni legate ad un particolare momento della sua vita. I fiori raffigurati, ad esempio, sono fiori esistenti nel suo giardino, fiori che da piccolo raccoglieva ogni dove e che trapiantava con amore e cura di fronte a casa sua ripromettendosi di non mancare mai all’appuntamento fissato con la primavera. E si parla proprio di cicli nell’opera di Santesso, come la notte acuisce il dolore, rafforza i sentimenti, pietrifica i ricordi. Il Sole addolcisce tutto, lo impasta e lo riconsegna alla notte. E la ruota ricomincia a girare, nasce la primavera e muore l’autunno e la natura in ciò è perfetta. I soggetti trattati dall’artista variano da momento a momento e rispondono precisamente all’esperienza della vita da lui vissuta. Per scelta non sono informali perché vogliono riportare il vissuto, quello compreso, no l’incompreso, rappresentano l’esterno della situazione vissuta e risolta magistralmente graficamente.
Una volta appuntato questo nelle tele Santesso inizia ad attivare la parte emozionale che viene riversata nella scelta della luce, della pennellata e nell’attenta ricerca dei chiaroscuri. Il grande rispetto di Lucillo è sempre rivolto verso la natura, con i suoi cicli, i suoi perfetti equilibri, la sua umiltà e il suo silenzio, il suo non parlare urlando e il suo starsene in disparte lì, spettatrice addolorata nei confronti dell’uomo........


QUOTAZIONI *
*Quotazioni fornite dall`artista
Da euro 2.500 a 18.000

Sito web: www.santessolucillo.com


10.jpg
 Ingrandisci

Airone
11.jpg
 Ingrandisci

Amore unico
12.jpg
 Ingrandisci

Vola assieme a me
13.jpg
Ingrandisci

Autunno
14.jpg
 Ingrandisci

La tua rosa
15.jpg
 Ingrandisci

Rosso ricordo
16.jpg
Ingrandisci

Autoritratto
17.jpg
 Ingrandisci

La vela
18.jpg
 Ingrandisci

Nuvolari
19.jpg
Ingrandisci

L`alba
20.jpg
 Ingrandisci

Papaveri e pioppeto

© 2013 Enciclopedia d'Arte Italiana. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale.Credits Joy ADV Milano