Enciclopedia d'Arte Italiana
ARTISTS:
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
Search 
italiano

SALVATORI LUIGI



LUIGI SALVATORI nasce il 25 ottobre 1951 a Palestrina, antica cittadina alle porte di Roma. Nipote d’arte dei pittori Marcello Salvatori (Palestrina, 1921 – 2003), Mario Fornari e Armando Stellani, inizia a Roma l’attività pittorica in giovane età seguendo la sua forte inclinazione naturale. Già nel 1963 viene selezionato per esporre presso la GALLERIA NAZIONALE PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI di via Nazionale a Roma. Le sue ispirazioni giovanili sono i paesaggi ad olio autunnali in particolare i boschi, con i loro colori grigi, gialli e aranciati, immersi nelle nebbie; nasce soprattutto come disegnatore in chiaroscuro a matita e a china. Completati gli studi liceali ed artistici, si laurea in Architettura nel 1976, presso l’Università La sapienza di Roma.
Inizia la sua attività professionale nel campo dell’Arte Sacra e Comunitaria, del restauro e progettazione di Chiese, di vetrate artistiche, iconografie ed arredi sacri in Italia ed all’estero. Effettua studi e ricerche storico artistiche sull’archeologia cristiana. Nel 1982 consegue un attestato benemerito della Pontificia Commissione per l’Arte Sacra. In collaborazione con la Domus Dei di Roma, centro di realizzazione per l’arte sacra, partecipa ad esposizioni, mostre, rassegne e iniziative culturali. Come architetto si dedica alla progettazione di Chiese Nuove, di restauri, ristrutturazioni e arredi liturgici di Chiese e ambienti sacri e comunitari. Le sue realizzazioni e opere sono presenti in innumerevoli Chiese e ambienti comunitari, nonché in collezioni private in Italia ed all’estero. Nel 1980 mette la sua professione di architetto e di urbanista a sevizio dell’Amministrazione Comunale di Roma, fino al 2011, anno a partire dal quale si dedica esclusivamente alla professione di pittore e di architetto.
Nel 1981 riceve l’annuncio di una esperienza di vita cristiana nella sua totalità e profondità ed inizia un cammino di conversione e di Fede. Nella situazione esistenziale dell’uomo che vive in un mondo dominato da segni di morte e di tristezza, il Kerygma della risurrezione di Cristo risuona come una buona notizia: nell’uomo liberato dalla paura della morte nasce l’amore cristiano, l’amore nella dimensione della croce: la nuova storia porta a riconoscere che Dio è Padre e Creatore del cielo e della terra e di tutte le meraviglie dell’universo. Questa novità si manifesta nelle opere dell’artista nella sua maturità dal 1990 e si riflette nelle impressioni dei suoi paesaggi dove i colori grigi autunnali lasciano spazio ai colori della primavera, ai verdi, ai rossi e gialli della campagna e della natura e dei fiori allo stato naturale. La sua è una continua ricerca interiore e man mano i paesaggi reali sono sostituiti dai paesaggi filtrati attraverso il ricordo della memoria, lasciando spazio al desiderio dell’invisibile, dell’infinito. Le immagini reali si confondono con quelle delle impressioni illusorie; e allora in luogo della vista lavora l’immaginazione interiore, la fantasia subentra al reale, la realtà diventa un sogno ed il sogno diviene realtà Sulla tela si imprimono le immagini, le forme e i colori che l’anima ricorda e rivive. Attraverso la trasparenza calda delle immagini passano fugaci le macchie fredde di colore; i colori colano quasi a piangere sulla natura del mondo e quasi a gridare che la realtà è un’altra e che nulla è definito. L’impressione esterna diventa espressione interiore dell’anima. Ecco, la sua arte si potrebbe definire “impressionismo espressivo dell’anima”.
Nel 1994 conosce il Presidente della storica “Associazione Cento Pittori Via Margutta” Alberto Vespaziani e Giampiero Toccaceli, e con loro incomincia una nuova fase della sua attività pittorica, esponendo le sue opere nelle numerose manifestazioni a cielo aperto negli splendidi scenari di via Margutta, e delle più belle piazze di Roma e città del Lazio e d’Italia. Nel 1998 entra a far parte del Consiglio Direttivo dei CENTO PITTORI, in qualità di fiduciario per gli affari generali impegnandosi nella vita attiva della stessa Associazione.
Nel 2009, pur rimanendo nell’esecutivo dell’Associazione Cento Pittori via Margutta, insieme al pittore Giuseppe Marchetta, da’ vita ad una nuova Associazione artistica, l’Associazione "ARTISTI ROMANI VIA GIULIA", con l’intento e lo scopo di promuovere, valorizzare e diffondere l’Arte e la Cultura. La sede dell’Associazione diventa luogo di incontro tra i tanti artisti che vogliono confrontarsi sui temi dell’arte, organizzare insieme dibattiti, conferenze, mostre ed iniziative espositive.
Nel 2018 viene eletto Presidente dell’Associazione Cento Pittori Via Margutta. Il suo nuovo impegno è quello di valorizzare sempre più la storia dei Cento Pittori affinchè non vada perduto l’immenso patrimonio artistico che i suoi artisti aderenti hanno costruito in più di settanta anni a partire dal lontano 1953, consapevole che non c’è futuro senza una memoria storica da ricordare.
Sposato, con sette figli, vive e lavora a Roma.


QUOTAZIONI *
Quotazioni riferite dall’artista:
da € 300,00 ad € 3.000,00

Web site: www.luigisalvatori.it


1058/1.jpg
 Enlarge

2019.CANNETO SULL`ACQUA 50x50
1058/2.JPG
 Enlarge

2019-mareggiata cm 50x50
1058/3.JPG
 Enlarge

rovo sotto la neve 90x90 - aprile 2019
4.JPG
Ingrandisci

3018 mareggiata sul lido di s.agostino - 40x80
© 2013 Enciclopedia d'Arte Italiana. All rights reserved. Credits Joy ADV Milano