Enciclopedia d'Arte Italiana
ELENCO ARTISTI:
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
Ricerca 
english

MANZONI Piero



Piero Manzoni (Soncino, 13 luglio 1933 – Milano, 6 febbraio 1963). Attivo nel panorama nazionale ed europeo, famoso per i suoi "Achrome" e "Merda d’artista". Cresce a Milano, dove terminati gli studi classici si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Brera. Frequenta Lucio Fontana, fondatore dello spazialismo. I suoi primi lavori sono paesaggi e ritratti di stampo tradizionale. Nel 1955 inizia a produrre dipinti con impronte di oggetti come chiodi, forbici e tenaglie. È cofirmatario del Manifesto contro lo stile con il Gruppo Nucleare, con il quale espone alla mostra "Movimento Arte Nucleare" a Milano. Inizia a lavorare sulle tele dal titolo Ipotesi, con materie come il gesso e la colla. Nel 1958 mette a punto le "tavole di accertamento" e gli "Achromes". Questi ultimi si presentano come tele o altre superfici ricoperte di gesso grezzo, su quadrati di tessuto, feltro, fibra di cotone, peluche o altri materiali. Nel 1959 abbandona definitivamente il gruppo dei Nucleari, stringe nuovi legami con Agostino Bonalumi ed Enrico Castellani ed entra in contatto con il Gruppo Zero di Düsseldorf. Oltre a portare avanti la ricerca sugli "Achrome", inizia a creare oggetti concettuali come le "Linee" e progetta di firmare corpi viventi come opere d’arte, rilasciando certificati di autenticità. Produce 45 "corpi d’aria": semplici palloncini riempiti d’aria che poi diverranno "fiato d’artista". Il suo stile diviene sempre più radicale. Oltrepassa la superficie della tela e propone nuove opere sempre più provocatorie: realizza Scultura nello spazio; una sfera pneumatica di 80 cm di diametro, in sospensione su un getto d’acqua. Continua a lavorare agli "Achrome", che realizza servendosi dei materiali più disparati. Progetta la Base magica: un piedistallo firmato dall’artista che eleva al ruolo di opera d’arte ogni persona disposta a salirvici sopra. In occasione di una serata con Angeli, firma la sua scarpa destra e la dichiara opera d’arte, facendo lo stesso con una scarpa di Schifano. Inscatola e mette in vendita 90 "Merde d’artista" da 30 gr. al prezzo di altrettanti grammi d’oro ciascuna. Nel 1962 espone con il gruppo Zero allo Stedelijk Museum di Amsterdam. Muore per infarto nel suo studio di Milano il 6 febbraio 1963.

QUOTAZIONI *
“Senza titolo”, 1956 olio su tela cm 100,3 x 69,9 - Londra, Christie’s 17/10/06 € 71.040
“Achrome” , 1959 caolino su tela squadrata e ripiegata cm 74,9 x 100,3 - New York, Sotheby’s 14/11/06 € 2.021.760
* E’ pressoché impossibile dare dei valori medi di mercato in quanto opere particolarmente significative possono raggiungere quotazioni estremamente elevate. A titolo esemplificativo indichiamo i valori di opere battute in asta pubblica.


© 2013 Enciclopedia d'Arte Italiana. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale.Credits Joy ADV Milano