Enciclopedia d'Arte Italiana
ELENCO ARTISTI:
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
Ricerca 
english

MELOTTI Fausto



Fausto Melotti (Rovereto, 1901 – Milano, 1986). La sua formazione ha inizio a Firenze, città di cultura europea, dove ha la possibilità di ammirare le grandi opere d’arte dei maestri italiani: Giotto, Simone Martini, Botticelli, Donatello e Michelangelo. Il biennio trascorso a Pisa, gli permette di assimilare lo spirito delle opere architettoniche, delle sculture romaniche e gotiche assieme a capitelli e rilievi, mosaici e smalti, tessuti e avori. Tutto un mondo iconografico e stilistico che affiorerà nelle sue ceramiche smaltate e nei suoi teatrini. Partito da una figurazione novecentesca come l’amico Lucio Fontana esegue nei primi anni Trenta dapprima disegni e poi sculture richiamandosi ai principi dell’astrattismo di cui fu uno dei più autorevoli esponenti. Il rigore astratto, basato su una ricerca di rapporti armonici, non viene però mai a mortificare, in senso purista, l’acuta tensione lirica. La sua è una scultura fatta di elementi lineari e geometrizzanti dai quali è esclusa, ogni "modellazione" in favore di una assoluta purezza formale. Si dedica intensamente anche alla ceramica, raggiungendo esili di raffinatissima qualità. Realizza, a partire dal 1931, la serie dei Teatrini in terracotta colorata e polimaterici. Ma è dal 1970, cioè quando è prossimo ai settanta anni, che libera una autentica e inconfondibile vena poetica: delle fragili e aeree costruzioni fatte di sottili fili di rame, di trasparenti retine metalliche, di mobili straccetti di garza e dai significanti titoli come “Il Vento nel capanno”, “La luna e il vento”, “La Neve”. La sua vastissima produzione è stata sempre animata da una doppia, ma non contraddittoria tensione: da un lato verso la forma allusiva, simbolica dall’altro verso l’invenzione ritmica e strutturale. Le sue creazioni sono di incantevole grazia dove la scultura, se di questa ancora può trattarsi, diviene gioco calcolatissimo di parvenze e di spazi.

QUOTAZIONI *
“Forma nel paesaggio”, 1945 olio su compensato cm 31 x 107,2 - Prato, Farsettiarte 01/12/06 €14.030
“Simultaneità ritmica”, 1955 olio su tela cm 80 x 65 - Milano, Finarte 22/02/07 €43.400
* E’ pressoché impossibile dare dei valori medi di mercato in quanto opere particolarmente significative possono raggiungere quotazioni estremamente elevate. A titolo esemplificativo indichiamo i valori di opere battute in asta pubblica.



0.jpg
 Ingrandisci

I sette Savi

© 2013 Enciclopedia d'Arte Italiana. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale.Credits Joy ADV Milano