Enciclopedia d'Arte Italiana
ELENCO ARTISTI:
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
Ricerca 
english

MARZIARI VITTORIA



Nata a Monte San Savino (Ar), VITTORIA MARZIARI si diploma a Siena all’Istituto d’Arte “Duccio di Boninsegna”. L’abilitazione all’insegnamento del disegno e storia dell’arte la introduce nel mondo scolastico oltre ai corsi professionali. In questo periodo affronta anche l’arte pittorica ma è soprattutto la scultura ad attrarla. L’incontro negli anni ’80 con i pazienti dell’ospedale psichiatrico San Niccolò, ai quali tutt’oggi insegna ceramica, rappresenta una scuola di vita che timbra il suo senso estetico suggerendole nuovi spunti di sperimentazione. Sorpresa dal candore comunicativo dei suoi estrosi allievi, la Marziari scopre la libertà d’espressione scevra dal rigore accademico e la complessità dell’animo umano diviene il fulcro delle proprie indagini e riflessioni. Nel tempo elabora le varie tecniche ceramiche conducendo nel suo laboratorio molteplici sperimentazioni, tanto da affermarsi come uno dei rakuisti più talentuosi e originali del Paese. E’ in laboratorio che la scultrice senese impara a guardare la materia dall’interno, ad affermare la molteplicità degli stati d’animo e il divenire biochimico.
Negli anni ’90 affronta le fusioni in bronzo, dove l’eleganza e la leggerezza vengono esaltate in forme lineari e astratte che tendono verso l’alto, a cercare spiragli di luce sensibile nello spazio, che la scultrice sente ed esplora come sorgente inesauribile di espressione, ricerca ed elevazione. In Vittoria Marziari - che sino ad oggi ha esposto negli Stati Uniti e in quasi tutte le capitali europee, compresa quella Tallin, capitale europea della cultura 2011, dove l’artista ha rappresentato l’Italia con una sua personale di sculture nella sede dell’Unione Europea, riportando giudizi critici eccezionali - la formazione artistica è essenzialmente esperienza di vita e la vita, a cui la scultrice inneggia, s’impone dialetticamente nel dinamismo vitale di ciascuna sua opera.
Vittoria Marziari è affascinata dal mistero degli spazi cosmici e interiori che costituiscono la sua inesauribile fonte d’ispirazione, per questo la sua scultura è stata definita filosofica. Di lei G. Segato scrive: “Vittoria Marziari se pur intende dare forma alle emozioni intime, alle inquietudini profonde, coglie come statuto vero dell’animo umano quello di una individualità inesausta di modellarsi, di inseguire un ideale che i movimenti della materia, in particolare in quei bronzi molto articolati, sembrano raccogliere e concentrare come affascinanti pannelli armonici”. “La grande fiducia che possa utilizzare l’immensa energia universale come forma d’arte l’avvicina a quel misterioso soffio che fa muovere tutte le cose” (W. Fabbri). “… Energia che s’innalza verso il cielo e manifesta speranza e amore” (O. Calabrese). “Vittoria Marziari nasconde nella sua arte infiniti simboli per chi sa leggere nella libertà. E’ un’arte dalla valenza universale: movimento, armonia ed essenza della forma che lei sente come musicalità infinita” (Giovanni Forma, La Nazione 2010). “… Nella produzione artistica della Marziari si intuisce il suo anelito di elevazione spirituale, che in qualche modo ricorda quello dei grandi artisti, dei grandi Santi, dei grandi personaggi che hanno fatto la storia della sua terra” (G. Chiesa). “Al polo opposto della progettazione analitica Vittoria Marziari propone il gioco surrealista, il rischio, l’azzardo vissuto direttamente su se stessa che per proporsi deve affrontare l’oblio, la perdita di sé nell’oggetto trattato … sculture che non sono mai neutre né statiche ma inconsuete e inattese, partecipano ad una realtà che ha del meraviglioso e del mistico, dove tutto è possibile, dove anche la materia ha un’anima e l’arte è vita essa stessa” (M. Madioni). “… Nella realizzazione delle sue sculture c’è un andamento plastico che individua la forma nella e con la materia in un pulsare metamorfico quasi ininterrotto. L’Artista-artefice dà vita a tutta la sua scultura equilibrata, esatta eppure lirica e umorale” (N. Nuti). “… dare forma a “Suoni Cosmici” materializzare una “Danza del Tempo” dare struttura a “Elevazione” portando alla sguardo risposte che solitamente è difficile animare in materia, mentre per la Marziari completare il discorso che sta fra concetto e figurazione è specifico di un’attitudine che le è propria”
(V. Futuro).

Ad oggi il suo curriculum è ricco di riconoscimenti e premi. Ha esposto in musei, ambasciate, consolati, Istituti Italiani di Cultura, Palazzi Comunali ed Expo d’Arte Internazionali. Tra le opere pubbliche, a Siena: il Masgalano per il Palio Straordinario 2000, gli Altorilievi della caserma Bandini e l’Ambone per la chiesa di S. Andrea; a Monte San Savino (Ar) Il Crocefisso per la chiesa di San Marco (Ar), il Palio per Roccatederighi (Gr), il drappellone per La giostra del Girifalco di Massa Marittima. Tra le private: “La speranza” in Città del Vaticano, “Concerto Jazz” al museo della Volkswagen - Wolfsburg in Germania, “Arte tecnologica” presso fondazione Monumental di Bruxelles, “Tensione” al Palazzo del Festival Internazionale del Cinema di Hong Kong, “Anima” a Paso de los Libres, Argentina.
Vittoria Marziari svolge la sua attività a Siena nell’atelier di via Stalloreggi 23 e nel laboratorio di via dei Tufi, adiacente al parco “Sculture di luce” ideato e inaugurato dall’artista nel giugno 2013.


QUOTAZIONI *
Le quotazioni esprimono le valutazioni espresse da critici ed esperti di settore tra i quali Galleria Mentana di Firenze e galleria Gnaccarini di Bologna.
Variano da € 3.000 per bronzi piccoli a € 40.000 per quelli più grandi, da interno.
Nei prezzi si tiene anche conto dell’esclusività dell’opera e dei materiali utilizzati.
Per le opere monumentali e da esterni consultare l’artista.

Sito web: www.vittoriamarziari.it


2.jpg
 Ingrandisci

Tracotanza - fusione in bronzo con marmo e vetro - 2010 - h 33 cm
4.jpg
 Ingrandisci

Egocentrismo e alienazione - fusione in bronzo - 2012 - diametro 60 cm
7.jpg
 Ingrandisci

Eros - fusione in bronzo - 2005 - h 48 cm
9.jpg
Ingrandisci

Tensione - fusione in bronzo - 2012 - h 49 cm
10.jpg
 Ingrandisci

La pazienza - fusione in bronzo - 2012 - h 70 cm
11.jpg
 Ingrandisci

Introspezione 2 - fusione in bronzo con cristallo - 2011 h 58 cm
13.jpg
Ingrandisci

Vittoria Marziari
14.jpg
 Ingrandisci

Amanti segreti (fusione in bronzo)
15.jpg
 Ingrandisci

Il segreto (fusione in bronzo)
16.jpg
Ingrandisci

Indifferenza (fusione in bronzo acciaio inox cristallo)
17.jpg
 Ingrandisci

Legami spezzati (fusione in bronzo)

Artisti a Villa Clerici Vittoria Marziari


© 2013 Enciclopedia d'Arte Italiana. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale.Credits Joy ADV Milano