Enciclopedia d'Arte Italiana
ELENCO ARTISTI:
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
Ricerca 
english

DE GRADA Raffaele



Raffaele de Grada nasce a Milano nel 1885 da padre pittore e decoratore. Nel 1899 si stabilisce con la famiglia a Zurigo. Frequenta tra il 1903 e il 1905 le accademie di Dresda e Karlsruhe.
Dal 1911 realizza paesaggi zurighesi e nel 1913 allestisce la prima personale alla Galerie Neupert di Zurigo. I frequenti ritorni in Italia lo stimolano a una visione più classica, mediata dall’esempio di Cézanne.
Torna definitivamente in patria e si stabilisce tra il 1919 e il 1921 a San Gimignano, dove sperimenta composizioni primitiviste ispirate a Giotto e ai trecentisti senesi.
Nuovo trasferimento nel 1921 a Firenze, dove è partecipe del clima culturale animato da Andreotti, Carena, dai novecentisti toscani e dagli intellettuali di “Solaria” e de “Il Selvaggio”.
Nel 1925 è invitato da Margherita Sarfatti ad agire da collegamento nei difficili tramiti tra il “Novecento” milanese e i novecentisti toscani. Espone alla I e alla II mostra del Novecento Italiano alla Permanente di Milano, tenutesi rispettivamente nel 1926 e nel 1929.
Dal 1920 partecipa assiduamente alle Biennali di Venezia e, tra il 1927 e il 1931, alle numerose rassegne del Novecento Italiano all’estero.
Nel 1929 si trasferisce definitivamente a Milano, dove entra di fatto nel contesto culturale dei novecentisti, legandosi in particolare a Funi, Carrà, Sironi, Marussig.
Dal 1931 insegna per un decennio all’ISIA di Monza insieme a Martini, Semeghini, Marino. Esegue per la V Triennale di Milano del 1933 l’affresco “Il lavoro dei campi”.
Frequenta assiduamente Forte dei Marmi dal 1935 e vi lavora in estate in compagnia di Carrà, Carena, Funi, Soffici, Cagli, Savinio, Treccani.
Espone alle prime tre edizioni delle Quadriennali di Roma del 1931, 1935, 1939 e al I e al III Premio Bergamo, rispettivamente del 1939 e 1941.
Partecipa a numerose rassegne in Italia e all’estero. Dal 1945 fa parte del direttivo dell’Associazione Artisti d’Italia.
Scompare a Milano nel 1957. Nel 1958 la XXIX Biennale di Venezia gli dedica una retrospettiva, ordinata dall’amico Carrà.




.jpg
 Ingrandisci

Nudi nel bosco, 1930, o.tela, 74,5x64
0.jpg
 Ingrandisci

Abbazia di Chiaravalle, 1933, o.tela, 70x90
1.jpg
 Ingrandisci

Nat.morta con ventaglio, 1933, o.tav. 70x60

© 2013 Enciclopedia d'Arte Italiana. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale.Credits Joy ADV Milano