Enciclopedia d'Arte Italiana
ELENCO ARTISTI:
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
Ricerca 
english

PASTORE FRANCESCO



Una singolare “creatività emozionale” contraddistingue le opere di Francesco Pastore. “Maledetti, trafitti dalla passione, l’Amore ci sopravvive e l’Arte ci rende immortali”. Tale citazione di Goethe descrive appieno il cammino artistico di Pastore. Si avverte infatti nelle sue opere un sublime senso di immortalità.
Francesco Pastore nasce a Cosenza nel ’76. Dopo gli studi artistici presso il liceo “U.Boccioni” di Cosenza, si laurea con lode in D.a.m.s. (disciplina delle arti, della musica e dello spettacolo). Si specializza con successo in restaurazione di manufatti artistici con attestato conseguito presso la Soprintendenza per i Beni Ambientali, Architettonici, Artistici e Storici della Calabria con stage presso laboratori di restauro del museo Louvre di Parigi e del Prado di Madrid.
Francesco Pastore esprime nel suo percorso artistico una “immortale” forza creatrice che racconta una sensualità coloristica e pittorica dirompente. Quando enuncio una “sensualità pittorica” intendo riferirmi ad una rara capacità di cogliere con una singolare devozione e con amore una moltitudine di particolari che nascono dall’amore per la natura e per luoghi di rara bellezza.
In molti dei suoi quadri è presente una “luce” ricca di bagliori che si materializza attraverso un perpetuo percorso di ricerca di forme armoniche; la creazione di esse tuttavia non cade mai nel banale anzi ogni particolare s’illumina come una stella nel firmamento, con tocchi di lirismo. Sussiste in modo evidente una “soavità artistica” che accende una singolare freschezza pittorica: così ecco la leggerezza dei fiori, la lucentezza dei paesaggi e della natura, pennellate che sottolineano una imponente forza evocativa.
I passaggi da porre in risalto sarebbero moltissimi tuttavia alcune opere narrano un singolare riferimento al mito di Ulisse; infatti i suoi quadri sono come “ canti delle sirene”, un richiamo che fa sognare e un po’ naufragare l’occhio del pubblico.
La passione per l’arte è insita nell’animo del pittore. In ogni quadro si avverte una singolare “emozione ispiratrice” che è rappresentata in ogni soggetto dipinto. Così ogni opera nasconde una musa che si allontana dalla mera realtà per avvicinarsi ad un mondo colmo di lirismo. Davanti all’artista si schiudono con naturalezza una spazialità talvolta più evidente tal’altre più misteriosa ed indefinita che conduce il fruitore in un viaggio emotivo vibrante.
In molti lavori prevale una bravura e uno studio tecnico che evidenziano una ricercatezza nei particolari e un susseguirsi di tratti che richiamano un “pathos” recondito. Il tocco segue ritmi differenti, talvolta più sinuosi e riflessivi, altri molto veloci e gestuali che catturano l’occhio del pubblico.
Francesco Pastore è rapito dalla realtà che lo circonda e spesso si possono ammirare suggestivi tramonti, paesaggi lacustri, angoli di natura e particolari di città visitate dall’artista. Non solo.
Ogni quadro si libera da schemi premeditati per evidenziare la ricerca di un cammino totalizzante, ricco di continue evoluzioni, rappresentato da un universo pittorico armonico ed illuminante.
Definire il suo stile pittorico non è appropriato in quanto in ogni quadro è presente un “microcosmo” che evoca la bellezza in senso assoluto e la presenza di energie dinamiche che paiono narrare evoluzioni sublimi.
Si può evidenziare come ogni tela sia ricca di “esplosioni di colore” che confermano come ogni tratto sia pulsante di luce. Nei dipinti ad olio, si avvertono molte sfaccettature di Pastore: il tocco è colmo di “luce contemporanea”, un entusiasmo energico ma anche un senso di tenerezza, dolcezza.
Così ogni pennellata oltre ad illuminare il “cosmo” creato dall’artista, si concretizza con il colore talvolta più materico, ricco di gestualità.
E’ presente poi un percorso artistico molto personale che dà vita a sentieri ove Pastore enuncia un “qualcosa di nuovo”: c’è un superamento della tecnica per lasciar spazio ai molti “luoghi emozionali”.
Il gesto artistico di Pastore crea talvolta “atmosfere astratte” che donano suggestione all’occhio del pubblico. Nasce una “realtà informale” che dialoga con la parte più recondita dell’animo e si creano singolari paradigmi artistici.
Nei lavori più astratti l’artista si allontana da schemi compositivi per avvicinarsi a trasposizioni personali ove prevale un notevole equilibrio coloristico.
(Silvia Ferrara)


QUOTAZIONI *
Quotazioni riferite dall’artista:
da 800 a 8000 euro

Sito web: francescopastore.jimdo.com/chi_y_francesco.php


.jpg
 Ingrandisci

ACERO - olio su masonite - 2005-29x40
0.jpg
 Ingrandisci

CAVALLO 1 - china e acquerelli - 2002 - 21x27
1.JPG
 Ingrandisci

Raggi di luce - 2006 - Olio su masonite - 29x40
2.jpg
Ingrandisci

RAGGI DI LUCE ED ACQUA - olio su masonite - 2007- 29x40

© 2013 Enciclopedia d'Arte Italiana. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale.Credits Joy ADV Milano