Enciclopedia d'Arte Italiana
ELENCO ARTISTI:
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
Ricerca 
english

GILIOLI Marco



Nato ad Arma di Taggia, Imperia neI1944. Pittore e ceramista, alla ricerca della propria identità ritrova nel segno e nel colore, stimolati, come ha scritto Rosanna Caprari, da una sensualità trasparente e ricca di energia, lo specifico concettualizzato di un patrimonio antropologico originario. La figura umana, piatta e contorta, nutrita delle struggenti suggestioni lineari di un totemismo matissiano, percorre nello spazio un proprio itinerario descrittivo senza mai perdere quella sottigliezza emblematica la cui dimensione di svolgimento è intimamente evocativa. Di fatto l’avventura di Gilioli pensa “i percorsi segreti dell’es" in una sorta di fascinazione al viaggio intorno alle anatomie umane, ricavandone una conoscenza del "dentro inespresso" (Donato Conenna) e l’interrogazione continua sulla naturalità lirica dell’immagine. L’anima e il corpo divengono così il luogo della domanda fissata una volta per tutte all’interno della disciplina creativa. Tra le personali si ricordano: Galleria Salarnbò, Parigi, 1988; Palazzo del Parco, Comune di Bordighera, 1990; Villa Ormond, Sanremo, 1992; Galleria Il Principe, Scalea, 1994; Atelier Lonc, La Colle, Saint Paul de Vence, 1995. Hanno scritto del suo lavoro: R. Caprari, D. Conenna, A. De Bono, L. Lagorio.

VIAGGIO NELLA GEOGRAFIA DELL’UOMO
Non lo sapevate? C’è un veicolo inusuale, riservato agli artisti, soltanto a loro grazie a Madre Natura, perché facciano il periplo di quel mondo inconosciuto che è la geografia dell’uomo. Questo antico e nuovissimo "media", questo veicolo è la tela. Da quando l’uomo è uomo, ed ha (o sente di avere) un minimo di savoir-faire artistico, ha sognato di liberarsi dei finimenti che lo legano alla condizione animale (cioè animato, dotato di anima) per assurgere ai cieli di una libertà espressiva senza orizzonti terminatori. Immaginiamo per un momento, quale liberà d’espatrio consente il dipingere ed il saper dipingere. A fronte della tela bianca, vergine e intoccata, l’artista inizia un percorso che conduce dentro e fuori il suo mondo, quello conosciuto e quello inconosciuto, di cui pure egli è parte planetaria. Egli stesso è, dunque, il meravigliato argonauta della sua immaginazione. Egli "viaggia", s’inoltra, fuori dalle elissi d’abitudine ai luoghi e ai giorni, per raggiungere le vicinissime distanze astrali che "limitano" la geografia dell’uomo (un dolore fisico, proveniente da una qualche parte del nostro corpo. Che ne sappiamo noi di quel dolore?). L’artista si avventura in percorsi segnati dall’es del proprio universo o lungo camminamenti implosivi, "dentro" esistenti. E per questa trasferta fuori e dentro di sé, non ha altro da fare che dipingere. Meraviglioso. Quanto sopra riporta l’osservatore dei fatti d’arte alle tele, cioè ai "media" pittorici di Marco Gilioli, artista avveduto, che non a caso chiama questa geografia dell’uomo col nome di "carta", anzi meglio, di "carte segrete", dando ancor più fascinazione al viaggio usuale intorno alle anatomie umane. Itinerari, dunque, sono queste lineazioni e queste cromìe di Gilioli, percorsi di mano felice, anche quando il amminamento conduce verso le più ascose profondità psichiche. Gilioli si diparte segnando quelle che sono le coordinate anatomiche dell’essere da esplorare, ne accentua i territori più in evidenza,’ proprio come è d’abitudine ai naviganti di coste perigliose; ne descrive poi i plasticismi, nella vigorìa del movimento o nella staticità del momento riflessivo. E, come usa chi non deve conoscere il mondo per sua letizia esteriore ma per approfondire ciò che muove e ciò che ferma questo misterioso viluppo di carni. - " Gilioli volutamente poco o nulla lascia espresso del grande mistero della conformazione umana, lasciando che a parlare siano i segni e i colori, a parlare per lui, a parlare ai fruitori, cioè ai destinatari naturali di questi "media", cioè di queste tele, cioè di queste "carte segrete", secondo la gestazione culturale che il destinatario ha ricevuto. Appunto, è del percorso interno, è di questa sorta di interiorità non figurata e non espressa da Marco Gilioli, il merito della fascinosa segretezza di queste "carte", per la cui lettura occorre un codice geologico, strato su strato, segno per segno, colore per colore, il principio e la fine, l’andata e il ritorno. Ammesso e non concesso che la conoscenza o anche la sola "visitazione" del "dentro l’inespresso" dell’uomo, possa avere dei capolinea, dei punti di riferimento, riconosciuti come tali.
Donato Conenna (Direttore editoriale rivista "D&D")

Esposizioni dal 1989: (1989) Primo Premio "La Strada", La Strada, Ventimiglia; (1990) Carte Segrete, Palazzo del Parco, Bordighera; Mostra Personale, Grand Hotel Cap Ampelio, Bordighera; (1992) Alchimia e magia - pittori del ponente, Biblioteca Civica, Ospedaletti; (1993) Italian Artist at Their Best, Jumeirah beach centre, Dubai; (1994) L’anima e il corpo, Galleria "il Principe", Scalea; (1995) Esposizione nella Galleria Scuderia del Palazzo Ducale, Galleria Scuderia del Palazzo Ducale, Genova; Mostra Personale, Atelier Lone, Saint Paul de Vence; (1998) Agorà - Grandi Formati, Bordighera Alta, Bordighera; (1999) Arte in Centro - Realizzazione pannello mt 7 x 3 per Comune Ventimiglia, Municipio, Ventimiglia; (2000) "Agorà" - grandi formati - Arte in Piazza, Bordighera Alta, Bordighera; Nus masculins, Le Vagabond, Parigi; (2007) Bandiere d’autore, Palazzo del Parco, Bordighera; (2007) Opere esposte al nuovo museo Paul Delouvrier, Cattedrale di Evry, Parigi; (2008) "Nel Profondo ..." - Arte contemporanea - "Collage", Forte Santa Tecla, San Remo; (2009) "Sequenze" , Galleria dell’Accademia G. Balbo, Bordighera; (2010) Arte per Arte , Castello della Lucertola, Apricale; (2011) Omaggio a ..., Galleria dell’Accademia G. Balbo, Bordighera; Giornata dei musei grandi formati, Galleria dell’Accademia G. Balbo, Bordighera; "Arte Mare" - Rassegna Arte Contemporanea, Passeggiata (fortezza), Arma di Taggia; Bandiere d’autore, Castello della Lucertola, Apricale;
Email: marcogilioli44@yahoo.it


QUOTAZIONI *
*Prezzi riferiti dall’Artista.
Pittura: 150x150 cm € 2.000, 150x200 cm € 2.500.
Sculture: positivi da € 2.000, negativi da € 2.500. Per opere grandi e monumentali consultare l’artista



.jpg
 Ingrandisci

0.jpg
 Ingrandisci

La mia isola - 2010
1.jpg
 Ingrandisci

Ballerine, ferro 200x200
2.jpg
Ingrandisci

Ballerini in coppia, 2010 tecnica mista su tela 200x200
3.jpg
 Ingrandisci

Donna al mare, legno 180x120
4.jpg
 Ingrandisci

Famiglia di acrobati, tecnica mista su tela 250x250
5.jpg
Ingrandisci

Giovani giocolieri, tela 180x180
6.jpg
 Ingrandisci

L`estate, legno 200x100
7.jpg
 Ingrandisci

Primavera, legno e fiori 200x100
8.jpg
Ingrandisci

Sagittario e Ballerina, 2010 ferro, 200x100
9.jpg
 Ingrandisci

Sagittario, 2011 ferro 100x200

© 2013 Enciclopedia d'Arte Italiana. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale.Credits Joy ADV Milano